Delta del Danubio occupa un posto speciale tra le bellezze con qualle la natura ha dotato la Romania. Tra il paesaggio e la ricchezza della fauna ha guadagnato la reputazione di uno dei più attraenti delta del mapamodo. Il paesaggio cambia quando si arriva al canale Pardina ed il grindo con lo stesso nome. Ti ritrovi trasportato in mongolo steppa con cardi rotolamento agitando, canale serpentina che trasporta il visitatore in un mondo perfetto e misterioso. Camminando su canali nascosti si può rendere in barca gestito da gente del posto, il kayak essendo la barca ideale per le spedizioni. I principali canali sono facilmente attraversate da navi da diporto.

Chiesa “Nascita della Vergine” in Pardina ha una grande cupola ricoperta di ferro zincato. Il maestro della Chiesa era sospettato d’essere d’origine russa, lo stile architettonico essendo tutto d’influenza slavo. (01)(02)

Nel 1860 gli abitanti dei villaggi che erano per lo più Pardina creştinini decisero di costruire la loro chiesa su un terreno ottenuto mediante cessione. Questo ha arruolato l’aiuto del dominio ottomano che aveva ottenuto e ha iniziato a costruire la chiesa dedicata alla “Natività della Vergine”. A quel tempo un giannizzero turco cioè Kirim dopo aver terminato il servizio militare è rimasto in città Pardina.

Si occupa di allevamento di bestiame e la pesca, che hanno due corsi d’acqua in cui un laghetto in possesso. Egli Aprime ordine da parte del governo turco di perseguire la costruzione della chiesa. A quei tempi le persone non avevano i mezzi per trasportare il materiale per la costruzione della chiesa. Si dice che tale era l’insistenza turca che la costruzione della chiesa che ha ordinato ai cittadini di tagliare i raggi del vettore ruota per poter caricare e scaricare gli hub più facile grande quercia.

Questa è solo una delle azioni turchi che sostengono la costruzione della chiesa. I lavori della chiesa ha iniziato l’anno 1860-1865 dalla congregazione villaggio. Chiesa a forma di croce è costruito di tronchi di quercia.

Distanza dalla terra al pavimento della chiesa era di almeno un metro. Si dice che i bambini stavano giocando sotto il pavimento della chiesa. Si presume che la fondazione della chiesa è nel terreno a causa di inondazioni.

Le pareti sono costruite soltanto con i bordi coprono lo scheletro. Così dentro e fuori la chiesa è fiancheggiata da schede.

L’iconostasi è costruito come un muro di tavole su cui sono appese varie icone porta regale dispersi e due porte diacono.

I più vecchi oggetti storici risalenti al XIX secolo sono: libri religiosi slava di S. Basilio, S. Epitaph, dipinti e ricamati in bianco, due croce di metallo bianco e-mail arca, lampadario, campana restaurata nel 1907 e 1872 varie icone l’iconostasi.